lunedì 28 aprile 2014

Piccola lista per un'amica in "crisi libresca"


Qualche tempo fa, un'amica mi ha contattata chiedendomi un aiuto libresco.
Si trovava in un momento un po' delicato: non riusciva più a leggere, o meglio, a farsi "prendere" da un libro. 
Ecco quello che mi scriveva:
Mi piacerebbe davvero leggere. Quando riesco a trovare un libro interessante non dormo la notte pur di finirlo, e ora come ora sento davvero la voglia di innamorarmi di un libro... il problema? Non riesco a trovare libri interessanti! Mi sarà capitato una decina di volte: prendo un libro dal titolo curioso, leggo le prime 60 pagine e mi deprimo perché è una noia mortale.
 Potresti consigliarmi qualche bel libro? Per farti capire i miei gusti, adoro Veronika decide di morire, Il cammino di Santiago, Orgoglio e pregiudizio. Mi piace lo stile un po' curioso, interessante, che abbia risvolti sul pensiero, su come vediamo il mondo...
Capita. Ci sono periodi in cui leggere non è semplice. E allora i libri, invece di aiutarci come sempre, non riescono a fare breccia nei nostri cuori - romanticamente parlando.
Be', si trattava di una piccola-grande impresa, anche per la Librarian! Ho deciso di risponderle di getto, senza pensare troppo, cercando semplicemente di ricordare titoli che avevo letto di recente o che avevano lasciato il segno, anche in base a ciò che mi veniva richiesto.
E di puntare tutto sulla leggerezza: via i polpettoni, via i romanzi splendidi ma troppo "seri" e introspettivi, via quelli meravigliosi ma "difficili", eccetera.

Ecco qui il risultato.

Inizio da due libri che mi sono "entrati dentro": La vita accanto e Il tempo è un dio breve di Mariapia Veladiano. Se cerchi un libro che abbia risvolti sulla vita e sul modo di pensare, potrebbero fare al caso tuo.
Quelli di Mariapia Veladiano sono libri che non finisci mai davvero perché le sue storie, le sue protagoniste, non ti abbandonano mai.
           


Da grande appassionata di libri gialli, cerco di scegliere quelli che hanno il dono di possedere trame non banali e che ti lascino qualcosa: ecco, un libro così è senz'altro La verità sul caso Harry Quebert di Joël Dicker. L'ho letto poco tempo fa e mi ha tenuta incollata alle pagine, non avrei mai voluto finisse. Non solo per la bellissima e coinvolgente storia gialla nel senso più assoluto del termine, ma soprattutto per ciò che ci sta intorno. Lezioni su come affrontare la vita, l'amore, la famiglia, la scrittura. Più di 700 pagine e quando è finito mi sono sentita orfana.


Un libro che veramente mi ha aperto il cuore è stato Un giorno di David Nicholls: una scrittura meravigliosa, una storia d'amore vista da una prospettiva insolita e originale. Mi ha insegnato a riconsiderare la vita pensando che ciò che conta è il presente, non il passato né le paranoie sul futuro. Un libro capace di cambiarti, soprattutto se stai affrontando momenti difficili, anche sentimentalmente parlando (e a chi non capita? io sono una specialista). Questo è veramente un bel libro da leggere, che mi è stato regalato e che ho regalato a mia volta a chi voglio bene.



Adoro anche Alan Bennett: libri molto ironici pieni di fantastico humour inglese. Piccoli capolavori, da tenere con te e da aprire nei momenti no. Utili e esilaranti!


Se è un po' di tempo che non riesci a trovare "il libro giusto" magari buttati anche in qualche lettura più leggera: potresti scoprire che ti prende più di altri polpettoni. Per esempio io adoro i libri di Alessia Gazzola e Margherita Oggero, raccontano storie mai banali e scrivono benissimo.


Ti consiglio anche un romanzo che ho letto di recente: Olivia ovvero la lista dei sogni possibili di Paola Calvetti. Mi ha tenuto una piacevole compagnia in treno, erano giorni difficili e tra quelle pagine ho trovato conforto.



Mi permetto di darti un ultimo suggerimento: se hai una mezzoretta, fai un giro in una libreria. Prendi in mano i libri che ti incuriosiscono, leggi il risvolto di copertina e magari la prima pagina. Potrebbe esserti molto utile. 

Ho concluso poi con una lista di classici: dall'opera omnia di Jane Austen a Cime Tempestose e Jane Eyre delle immancabili Brönte sisters, fino ai contemporanei come Baricco e De Carlo.

Non è mai semplice dare dei consigli, soprattutto quando attraversiamo quel periodo in cui la lettura è un esercizio difficile. Ed è inevitabile che nei suggerimenti ci sia molto di noi. Ma spero di essere riuscita, nel mio piccolo, ad aiutarla... se non altro a farle tornare la voglia di andare in libreria!

E voi, cos'avreste risposto? Mandatemi i vostri suggerimenti (qui nei commenti o via mail) e sarò felicissima di leggerli e pubblicarli!

Buone letture.
La vostra pl.




4 commenti:

  1. Tramonto e Polvere di Joe R. Lansdale, perché noi donne siamo sempre in grado di rialzarci, nonostante la vita possa offrirci il peggior mondo possibile;
    Amazzonia, di James Rollins, perché a volte evadere è la miglior cura per lo spirito;
    Cavalli Selvaggi, di Cormac Mc Carthy, perché a volte la scrittura ha la dolcezza e l'incanto di un quadro e diventa poesia;
    Resistere non serve a niente, di Walter Siti, perché la realtà attuale supera ogni immaginazione;
    La chimera, di Sebastiano Vassalli, perché le vecchie vicende di intolleranza e pregiudizio non sono così lontane da noi.
    Non so quali gusti abbia questa lettrice, ho indicato di getto alcuni titoli che ricordo con piacere senza soffermarmi su di un genere specifico e senza citare il mio adorato Pendolo di Foucault perché a volte non viene considerato molto invitante...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grande Gianfranca!! Grazie, sei un tesoro. Tra l'altro, Tramonto e polvere è splendido, e per gli altri prendo nota :)

      Elimina
  2. propongo anch'io Alan Bennett, i suoi libri sono dei veri gioielli, scritti molto bene, scorrevoli e non impegnativi!

    RispondiElimina
  3. Grazie del commento e torna a trovarmi! Buone letture ;)

    RispondiElimina