domenica 24 marzo 2013

Com'è bello incontrarsi a Charlotte Street (e lasciarsi sorprendere dalla vita)


Ho appena finito di leggere un libro delizioso che ha letteralmente risollevato le sorti di questa domenica uggiosa.
La ragazza di Charlotte Street (Feltrinelli) di Danny Wallace è stata una rivelazione: leggero ma mai banale, scivola via come un fresco succo di frutta - o, se preferite, un frizzante prosecco bollicinoso.
Ci sono tutti gli ingredienti giusti: quelli che ti incollano alla pagina per intenderci, ma allo stesso tempo ogni tanto ti fanno sospendere la lettura, alzare gli occhi e sospirare.
Il protagonista della rocambolesca storia è Jason Priestley - sì, proprio come l'attore di Beverly Hills, e su questo ci gioca non poco - un ex insegnante che scribacchia per un quotidiano londinese gratuito (e già qui partiamo bene). Non se la sta passando alla grande: una storia finita disastrosamente, un lavoro che non lo soddisfa più, una "mezza" casa sopra un negozio di videogiochi vintage vicino a quello che tutti credono un bordello ma che in realtà non lo è. Un giorno, per caso, si imbatte in "colei che potrebbe diventare la donna della sua vita" (per carità, nessun riferimento a Maria de Filippi!), di cui non conosce assolutamente nulla, ma che gli lascia nel cuore uno splendido sorriso e fra le mani una macchina fotografica usa e getta. Da lì, parte un folle ambaradan fatto di cacce al tesoro, pedinamenti, situazioni imbarazzanti quando divertentissime, finché finalmente…
Il resto ve lo dovete leggere, ovvio. Ma io vi posso dire PERCHÈ secondo me potreste avere voglia di farlo:
  • se amate Londra come la sottoscritta, questo non può che essere il vostro libro: a tratti meglio di una guida turistica, potrebbe rivelarsi un ottimo modo per visitare la città la prossima volta che ci andate
  • se vi piacciono le fotografie vintage
  • se siete ossessionati da Facebook (e guardate il profilo del vostro ex - o dell'attuale metà - in media 6 volte al minuto)
  • se pensate che nella vita tutto possa accadere - oppure anche se non lo pensate: dopo avere letto questo libro forse lo penserete
  • se avete adorato l'amico stralunato di Hugh Grant in Notting Hill
  • se vi piacciono le storie d'amore che non lo sembrano ma in realtà lo sono assai più di quelle che lo sembrano
  • se vi piace l'ironia tipicamente british: ecco, è lei la vera protagonista. Ho adorato Danny Wallace proprio per questo: credo che potremmo intenderci a meraviglia davanti a una buona pinta in un pub di Charlotte Street
  • se avete bisogno di essere "ispirati". Perché questo, lo dico senza se e senza ma, è uno di quei libri che quando sei giù, quando ti senti uno schifo, quando pensi che la tua vita stia prendendo una piega che non doveva e credi di avere sbagliato tutto, ti fa vedere il rovescio della medaglia. E ogni tanto una medicina letteraria così fa davvero bene.
  • se amate gli Hall & Oates (leggete e capirete perché).
La ricerca della Ragazza - come viene chiamata per quasi tutto il libro - è in realtà molto di  più: nasconde la voglia di ritrovare la propria strada, di lasciarsi ancora sorprendere dalla vita, di far succedere qualcosa. Ed è anche una grande storia di amicizia, quella sincera, che maschera dietro a una risata tutta la sua autenticità.
Questa è una storia che a me ha fatto bene, oltre ad avermi strappato parecchi sorrisi: mi auguro sarà così anche per voi.

Quotes

La speranza improvvisa è la strada spianata verso l'improvvisa disperazione.

Io penso che le cose cambino, è ovvio. Ma in base alla mia esperienza, penso spesso che le cose cambiano perché la gente non cambia.

È buffo quanto una sfida possa rendere dedito un uomo.

"Do what you want, be what you are".

Fai succedere le cose, signor Priestley.

Ecco, leggete questo libro e fate succedere le cose.

PS. mi è capitato di assistere alla presentazione di Charlotte Street, qualche mese fa, e aggiungo: Danny Wallace - giovane e brillante scrittore, giornalista, autore di trasmissioni radio e tv - è super simpatico. Motivo in più per intrufolarsi nel suo romanzo, no?




1 commento:

  1. Mi hai incuriosito molto... mi sa che lo sto andando a ordinare... :)

    RispondiElimina